Osvaldo Golijov
Bio - PhotosCalendarWorksDiscographyNews - ReviewsContact
 Soloists, Chorus and OrchestraOperaFilm SoundtrackSolo InstrumentalArrangements
Chamber without VoiceChamber with VoiceOrchestraSoloist and OrchestraChorus
Works
 

Luce (2001): Texts
   [Texts] · [Reviews]
 
Luce
Federico Fellini, in Giovanni Grazzini, "Intervista sul cinema,"
Roma-Bari, Laterza, 1983
Translated by Elena Klusemann


Grazzini:
E la luce? Che cos'è per te la luce?

Fellini:
L'ho già detto altre volte&&0150;la luce è sentimento, colore, tono, profundità, atmosfera, racconto. La luce è ciò che aggiunge, che cancella, che riduce, che esalta, che arricchisce, sfuma, sottolinea, allude, che fa diventare credibile e accettabile il fantastico, il sogno, o, al contrario, rende fantastico il reale, dà miraggio alla quotidianità più grigia, aggiunge trasparenze, suggerisce tensioni, vibrazioni. La luce scava un volto, o lo leviga, crea espressione dove non c'è, dona intelligenza all'opacità, seduzione all'insipienza. La luce disegna l'eleganza di una figura, glorifica un paesaggio, lo inventa dal nulla, dà magia a uno sfondo. La luce è il primo effetto speciale, inteso come trucco, come inganno, come malìa, bottega alchemica, macchina, del meraviglioso. La luce è il sale allucinatorio che bruciando sprigiona le visioni.

*Sparsi frammenti, brandelli riaffioranti di quello che poteva anche essere considerato un sogno, in gran parte rimosso e dimenticato una grande galassia onirica, affondata nel buio, fra lo sfavillio di schegge fluttuanti, galleggianti fino a noi. Mi pare di essere stato sedotto dall'occasione di ricostruire questo sogno, la sua trasparenza enigmatica, la sua chiarezza indecifrabile.

E ciò che vive sulla pellicola vive per la luce. La scenografia più elementare e rozzamente realizzata può con la luce rivelare prospettive inattese, insospettate, e calare il racconto in una atmosfera sospesa, inquietante; oppure, spostando appena un cinquemila, e accendedone un altro in controluce, ecco che ogni senso di angoscia si dissolve e tutto diventa sereno, familiare, rassicurante. Il film si scrive con la luce, lo stile si esprime con la luce.
Grazzini:
Light. What is light for you?

Fellini:
I've already said it many times: light is ideology, feeling, color, tone, depth, atmosphere, storytelling. Light is what adds, cancels, reduces, dissolves, exalts. It's what enriches, underlines, makes allusions, what makes dreams and the fantastic believable and real, or, on the contrary, what turns reality into fantasy. It gives a quality of miracle to the grayest everyday, adds transparency, suggest tensions, vibrations. Light hollows or smoothens a face. It creates expression where there was none, grants intelligence to opacity, seduction to what is insipid. Light draws the elegance of a figure, glorifies a landscape, creates one from scrap, gives magic to any background. Light is the first special effect, intense as make up, as magic. It's an alchemist's laboratory, a machine for miracles. Light is the hallucinatory salt that through its burning liberates visions.

*Spread out fragments, bits and pieces coming up from what could have been considered a dream, for the most part repressed and forgotten, a large dreamlike galaxy settled in the dark, among sparking, floating splinters, fluctuating towards us. It seems to me to have been seduced by the opportunity of reconstructing this dream, its mysterious transparency, its undecipherable clarity.

Whatever lives on the film lives for its light. The plainest scenery, coarsely done, can show with the right lighting unexpected and unsuspected perspectives, and launch the story into a floating, restless atmosphere. Or you can, by just moving a five thousand (watts light-spot) here, and putting another in counterlight there, dissolve any sense of anguish so that everything becomes serene, familiar, reassuring.


* Fellini's answer to a question about his film Satyricon.